You are here
Pay Tv, sequestrata centrale clandestina Cronaca Primo piano Provincia e Regione 

Pay Tv, sequestrata centrale clandestina

Vasta operazione dei finanzieri del Comando Provinciale di Salerno che hanno individuato una centrale clandestina per la trasmissione abusiva di programmi televisivi a pagamento. Due coniugi, molto esperti del settore Tv satellitare, avevano creato una sofisticata infrastruttura di decodifica del segnale criptato di Sky e Mediaset Premium. In questo modi riuscivano a garantire ad oltre 1000 utenti la visione low cost dei palinsesti delle note pay tv: Sky e Mediaset Premium.

All’interno di un garage, in pieno centro a Scafati, era stata situata la base logistica per la centrale ”pirata”, dove i finanzieri hanno sequestrato 84 decoder, 3 computer, vari hard disk e telefoni cellulari. Inoltre, nell’abitazione dei coniugi, sottoposta a perquisizione, sono stati trovati 44 mila euro in contanti, frutto evidente dell’illecita attività, che assicurava alla copia un ricco giro d’affari illecito e totalmente in nero, in corso di accertamento anche sotto il profilo fiscale. Con un abbonamento mensile di soli 15 euro, gli utenti ”pirata” avevano la possibilità di accedere liberamente e senza limitazioni ai contenuti offerti da entrambe le pay tv. Il prezzo mensile dell’abbonamento cresceva sensibilmente per ricevere il ”servizio” all’interno di esercizi commerciali.

L’indagine, eseguita sotto la direzione del pm della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore Giuseppe Cacciapuoti, ha consentito di lasciare ora ”senza segnale” una vasta rete di clienti fruitori su tutto il territorio nazionale. La coppia ora rischia la reclusione fino a 4 anni e una multa di 15 mila euro. Appena qualche mese fa, a Napoli, la Guardia di Finanza aveva sferrato un altro duro colpo alla pirateria on-line delle note pay tv, individuando 3 centrali di trasmissione di programmi televisivi, gestite da un soggetto residente in Svizzera ma di fatto domiciliato a Scampia.

mm

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.