You are here
Ospedale Cava de’ Tirreni, il Partito Comunista:  Ci hanno consegnato un clima di paura e di precarietà” Provincia e Regione 

Ospedale Cava de’ Tirreni, il Partito Comunista: Ci hanno consegnato un clima di paura e di precarietà”

Un clima di paura e di precarietà. È questo che ci hanno consegnato. Altro che “Ospedale salvo”. Tutti i cittadini cavesi nell’ultima campagna elettorale hanno assistito all’inutile diatriba su chi, tra Caldoro e De Luca (e di conseguenza i nostri primi cittadini nelle rispettive amministrazioni), abbia fatto di più e meglio per l’Ospedale di Cava. Sfilze di numeri a dimostrazione della propria tesi, un posto letto o due sul piatto della bilancia. Ma, più prosaicamente, la risposta è: nessuno dei due. Neanche con la pandemia, nonostante gli annunci di fondi stratosferici per il nostro ospedale, possiamo stare sereni. Tutti d’accordo a dare degli “EROI” ai nostri medici, ma poi mancano infermieri, mancano anestetisti, mancano le condizioni minime di sicurezza e uno dopo l’altro vengono messi in discussione i reparti che restano attivi al momento. E la soluzione sarebbe spostare il Reparto di Rianimazione al “Da Procida”, mascherando l’operazione dietro le necessità della gestione epidemiologica? Non è spostando un reparto di qua o di là che si risolvono le criticità del sistema sanitario alla base delle difficoltà di questi mesi. Ma adottando una più capillare presenza dei presidi, su ogni territorio, che si avvicina il Servizio ai cittadini e ai loro bisogni. Con la scelta dello spostamento si farà soltanto un altro passo verso il baratro del Nosocomio Cavese. La paura di perdere l’Ospedale deve tenere tutti all’erta. Non dobbiamo abituarci all’idea di un Servizio malmesso e precario. Se ci sono delle criticità sono i vertici Aziendali a doverle risolvere, non i beneficiari del Servizio. Se qualcosa non funziona non è colpa dei lavoratori dell’ospedale o di chissà quale forza estranea alla realtà, è la governance aziendale sostenuta dai Governi di centro-destra e di centro- sinistra e dalle loro politiche privatistiche che ha depauperato il servizio sui territori in nome del riassetto e del risparmio, come se quello alla Salute non sia un Diritto, e quindi – come tale – non una voce da “budgettizzare”. Adesso il Sindaco Servalli e De Luca diano risposte serie e non promesse da campagna elettorale, sbugiardate dai fatti. Non si trincerino dietro la lotta al Covid- 19. L’Azienda si impegni a cambiare radicalmente questa ipotesi, che ridimensionerebbe in maniera drastica e irrimediabile l’Ospedale di Cava de’ Tirreni. Non ci sono altre soluzioni. L’Ospedale deve restare aperto e potenziato. Per questo sabato 17 Ottobre saremo in piazza per informare i cittadini e discutere con loro di questa problematica. Sosteniamo i lavoratori dell’Ospedale e non lasciamo calare il silenzio sul tema.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi