You are here
Nocera Inferiore, il Covid non ferma la protesta per Villa dei Fiori Provincia Provincia e Regione 

Nocera Inferiore, il Covid non ferma la protesta per Villa dei Fiori

Il Covid non ferma la protesta di Villa dei Fiori. Di nuovo in piazza i lavoratori. Presenti i consiglieri D’Acunzi e Ferrigno. Salgono così a sei i consiglieri comunali che appoggiano Villa dei Fiori, ne bastano cinque per chiedere la convocazione del consiglio comunale. È stata annullata per senso di responsabilità rispetto all’emergenza Covid la quarta fiaccolata prevista per martedì scorso per protestare contro il Comune che blocca, dopo sette anni, l’ampliamento di Villa dei Fiori chiesto dalla Regione. Nonostante questo c’erano oltre cento persone a via de Conciliis, luogo da cui la fiaccolata sarebbe dovuta partire per arrivare, come sempre, fino al palazzo comunale. “Non siano riusciti ad avvisare tutti per tempo – spiega il Comitato dei lavoratori – ma abbiamo deciso lo stesso di non fare la fiaccolata, sarebbe stata inopportuna”. Tra i presenti i segretari provinciali della UIL, Filomena D’Aniello e Salvato Donato, e della CISL Antonio Malangone, che era già intervenuto a tutte le “fiaccolate del martedì”. Ma con i lavoratori c’erano anche i consiglieri comunali Pasquale D’Acunzi e Fabio Ferrigno. Con loro sale a sei il numero dei consiglieri che appoggiano esplicitamente la causa di Villa di Fiori, cinque della maggioranza (Ilario Capaldo, Gennaro Della Mura, Fabio Ferrigno, Aniello Rosati, Vincenzo Stile) e uno della minoranza, D’Acunzi, che ieri ha preso la parola. “Quando si difendono gli interessi generali – ha detto – non si deve avere né colori né appartenenza” aggiungendo che “non è più rinviabile la convocazione del Consiglio comunale”. In effetti sono sufficienti cinque consiglieri per chiedere la convocazione del Consiglio. La presa di posizione di D’Acunzi segue di poche ore quella del consigliere Capaldo, il quale sulla vicenda ha scritto una lettera al Segretario generale “declinando ogni responsabilità di sorta derivante dall’inerzia dell’Amministrazione comunale nel non voler deliberare sull’oggetto”. “Finalmente” commentano al Comitato, annunciando che le mobilitazioni, Covid permettendo, proseguiranno con l’appuntamento per la fiaccolata martedì prossimo.

 

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi