You are here
Matrimoni, indennizzo per le norme restrittive imposte dal Dpcm. Le Regioni pressano il Governo Attualità Italia e Mondo 

Matrimoni, indennizzo per le norme restrittive imposte dal Dpcm. Le Regioni pressano il Governo

Ancora di salvataggio per i matrimoni prossimi ad essere celebrati ma ora a rischio dopo le norme restrittive inserite nel nuovo Dpcm che impone non più di 30 invitati alle cerimonie.

I presidenti delle Regioni hanno chiesto al governo un tavolo urgente per risarcire i ‘promessi sposi’ delle spese che hanno già affrontato, come il versamento di caparre per il catering. Senza dimenticare le costose prove trucco e acconciatura, gli addobbi floreali, tutte cose, come le bomboniere, deperibili e non riciclabili. Sul tavolo c’è anche la volontà di indennizzare le imprese del settore nozze dei guadagni sfumati, un settore già stravolto dal lockdown dei mesi scorsi. Si tratta in Italia di circa 50mila imprese e partite Iva che danno lavoro più o meno a 300mila dipendenti, stabili e stagionali.

I matrimoni sono feste che si organizzano con grande anticipo e deve esserci una clausola di salvaguardia che consenta sia alle persone di recuperare i soldi che hanno anticipato, sia ai locali e ai musicisti di avere un risarcimento.

 

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi