You are here
Lutto in Costiera: addio a Matteo Lembo, calciatore d’altri tempi. Fu bandiera della Battipagliese Calcio Dilettanti Provincia e Regione Sport 

Lutto in Costiera: addio a Matteo Lembo, calciatore d’altri tempi. Fu bandiera della Battipagliese

Ha lottato con tutto se stesso la partita della vita. A vincere, però, è stato quel male oscuro che ha combattuto con straordinaria dignità. E ne va in punta di piedi, un po’ come nel suo stile, Matteo Lembo. Sposato con la ravellese Liliana Amato, padre di due figlie, per anni ha svolto il ruolo di applicato di segreteria nella scuola dell’obbligo di Minori. A piangere “Teuccio” oggi non è soltanto la “sua” Minori ma l’intera Costiera Amalfitana e qualche città dove, da calciatore, ha lasciato ricordi indelebili. Già, perchè quell’uomo robusto, schivo e riservato che s’incontrava spesso in Costiera, alla guida della sua Fiat Punto grigia, è stato, negli anni Sessanta, una promessa del calcio, uno dei migliori atleti mai espressi dalla Costiera Amalfitana. I suoi campionati migliori nella Battipagliese, in quarta serie (la serie D del tempo era era equiparabile, per qualità, all’attuale serie C, con squadre come Sorrento, Turris, Nocerina, Paganese, Benevento). Centravanti vero, in bianconero disputò in tutto sette campionati risultando il bomber più prolifico della storia delle zebrette. Nella Piana del Sele è ricordato ancora oggi per le sue qualità tecniche e per il suo sinistro sopraffino. Numero 11, veloce malgrado la corporatura, lo stacco aereo tra i pezzi pregiati del suo repertorio. Classe 1941, il suo esordio nella stagione 1960/61. A meno di vent’anni risultò capo cannoniere del campionato con 28 reti. Con la rappresentativa campana vinse il titolo di campione d’Italia ed esordì in Nazionale Dilettanti. Condivise alcune stagioni con un’altra gloria della Costiera, il bomber Italo Tramontano di Maiori. Terminò la carriera alla Paganese. Storie e uomini di un calcio romantico, lontano anni luce dalla spettacolarizzazione attuale. I protagonisti dell’epoca erano prima di tutto uomini e poi calciatori. Esempi di correttezza nello sport e nella vita. Come lo è stato Teuccio. Dai propri profili social la Battipagliese Calcio 1929 esprime il proprio cordoglio: «Matteo Lembo ha sempre dimostrato il suo attaccamento alla maglia. “È un grave lutto per tutti i veri battipagliesi”». (fonte Il Vescovado)

mm

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi