You are here
Licenziamento collettivo della Whirlpool, il Tribunale di Napoli boccia i lavoratori Attualità Economia 

Licenziamento collettivo della Whirlpool, il Tribunale di Napoli boccia i lavoratori

Vertenza Whirlpool , il Tribunale di Napoli rigetta ricorso lavoratori sul procedimento di licenziamento collettivo avviato lo scorso luglio dalla Whirlpool per i lavoratori dello stabilimento di Napoli. «Nessun comportamento antisindacale». Per il giudice nel 2019 l’azienda cercò una soluzione alternativa ma furono i sindacati a dire “no”. La sentenza è arrivata come una pietra tombale a poche ore dall’invio delle prime lettere di licenziamento recapitate agli operai del sito di via Argine. Nella lettera Whirlpool comunica il licenziamento immediato ma dà anche ai lavoratori la possibilità di poter accedere fino a fine novembre all’incentivo di 85mila euro per l’esodo volontario o quella di mantenere il posto con il trasferimento a Varese presso il sito di Cassinetta.

Il giudice Maria Rosaria Lombardi spiega che «non sussistono i presupposti per ritenere fondata la domanda di responsabilità aggravata per abuso dello strumento processuale. La complessità della fattispecie esaminata con particolare riferimento alla natura degli Accordi Quadro non consente infatti di qualificare temeraria l’azione intrapresa». E sempre nelle motivazioni addotte il magistrato spiega che «risulta che la società, al fine di mantenere i livelli occupazionali si sia attivata nell’agosto del 2019 nel ricercare soluzioni, coinvolgendo le organizzazioni sindacali, mediante la cessione del ramo di azienda anche con la riconversione aziendale. L’essersi adeguata poi, al diniego manifestato dai lavoratori e dai sindacati, di certo evidenzia la correttezza delle relazioni sindacali ed il peso che le Sigle ricorrenti hanno avuto nelle trattative». «Deve pertanto ritenersi – aggiunge il giudice – che non sia espressione di antisindacalità il comportamento avuto dalla resistente, che non ha proseguito sin dal maggio del 2019 negli investimenti, così come previsto dal piano, e che ha cessato l’attività produttiva nel sito dal primo novembre 2020. Trattasi di scelte costituenti estrinsecazione del diritto di libertà di iniziativa economica previsto in Costituzione che, sebbene possa subire limiti per esigenze di carattere sociale, non può essere vincolato se non per volontà dell’avente diritto».

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi