You are here
Le vespe pungono, la Salernitana no: il derby è della Juve Stabia Calcio Primo piano Salernitana Sport 

Le vespe pungono, la Salernitana no: il derby è della Juve Stabia

Al Romeo Menti di Castellammare arriva la quarta sconfitta in trasferta per la Salernitana. I granata di mister Ventura si arrendono nel derby alla Juve Stabia con il risultato finale di due reti a zero. Senza gioco e senza idee i granata lasciano il successo alla formazione guidata in panchina da Caserta. Le vespe passano in vantaggio al settimo minuto con Cissè e trovano il raddoppio nel finale di gara con Canotto.

La cronaca: Pronti – via e la Salernitana è già sotto di una rete. Il cronometro segna il settimo minuto, l’ex Di Gennaro serve Calò che lancia a memoria Cissè che conclude sotto le gambe di Micai con la sfera che termina la sua corsa in fondo al sacco. La Juve Stabia vola sulle ali dell’entusiasmo, scartando i regali confezionati dalla Salernitana. Come quello offerto da Karo all’11’, il difensore cipriota ingenuamente scivola in area di rigore ma Bifulco non ne approfitta. La Salernitana si vede solo al 31′ minuto: Kiyine salta l’uomo e serve la sfera a Lombardi il quale crossa al centro dell’area dove Giannetti, tutto solo al centro dell’area, spedisce clamorosamente fuori. Nei minuti successivi in campo c’è solo la Juve Stabia che si rende pericolosa con Canotto che prima sfiora l’incrocio e poi mette a segno la rete che viene però annullata dal direttore di gare per posizione di fuorigioco. Nel secondo tempo mister Ventura prova a cambiare qualcosa ma le sue mosse non sortiscono gli effetti sperati. La Salernitana si rende pericolosa solo con una conclusione di Kiyine che viene bloccata in due tempi dall’estremo difensore della Juve Stabia. I padroni di casa si chiudono negli ultimi trenta metri, rendendo così impossibile ai granata trovare spazi. Entrano Cicerelli e Maistro, ma la musica non cambia: i granata si affidano a tantissimi cross dalla trequarti mai precisi e collezionano solo inutili calci d’angoli. Dall’altro canto la compagine allenata da Caserta sfiora la rete grazie ad un grossolano errore di Micai su di un pallone alzato da Calò. L’estremo difensore granata riesce poi a rimediare salvando in extremis sulla linea. Al 39′ minuto la Salernitana resta in dieci, eccessive proteste di Migliorini che rimedia così il secondo cartellino giallo e guadagna anzitempo gli spogliatoi. In pieno recupero la Juve Stabia con azione di contropiede trova anche la rete del raddoppio con Canotto. Finisce qui, al Menti arriva la quarta sconfitta consecutiva in trasferta per l’undici allenato da Ventura.

JUVE STABIA: Russo; Vitiello, Tonucci, Troest (26’ pt Allievi), Germoni; Di Genaro, Calvano, Calò; Canotto, Cissé (13’ st Rossi), Bifulco (26’ st Elia). A disp. Branduani, Boateng, Melara, Rossi, Del Sole, Mallamo, Fazio, Forte, Mezavilla, Buchel. All. Caserta.

SALERNITANA: Micai; Karo, Migliorini, Jaroszynski; Lombardi (21’ st Cicerelli), Akpa Akpro, Di Tacchio (37’ st Djuric), Kiyine (26’ st Maistro), Lopez; Giannetti, Jallow. A disp. Vannucchi, Billong, Odjer, Djuric, Gondo, Kalombo, Morrone, Pinto. All. Ventura

ARBITRO: Pezzuto di Lecce

MARCATORI: 7′ Cissè; 51′ st Canotto

NOTE: Ammoniti Tonucci e Germoni della Juve Stabia; Lopez, Akpa Akpro e Micai per la Salernitana; Espulso Migliorini (Salernitana) al 39’ st per doppia ammonizione. Angoli: 2-7; Recupero: 2’ pt – 6’ st; Spettatori: 4348 di cui 170 da Salerno.

 

 

 

 

mm

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.