You are here
LA SOLIDARIETA’” DI FISCIANO CERCA COLLABORATORI DA IMPIEGARE NEI CENTRI VACCINALI Attualità Provincia e Regione 

LA SOLIDARIETA’” DI FISCIANO CERCA COLLABORATORI DA IMPIEGARE NEI CENTRI VACCINALI

In attesa dell’avvio del Piano Vaccinale sul proprio territorio di competenza, l’Associazione di Volontariato “La Solidarietà” di Fisciano è in cerca di collaboratori e volontari da impiegare nei Centri Vaccinali allestisti dal sodalizio con sede a Lancusi, in collaborazione con Regione, Comune di Fisciano e competente Asl locale. “AIUTACI AD AIUTARE – ha detto il Presidente de “La Solidarietà Alfonso Sessa – con questo slogan stiamo diffondendo un appello per ricercare collaboratori per i Centri Vaccinali allestiti da quest’Associazione in collaborazione con Regione, Comune ed Asl. Chi fosse interessato a dare una mano può contattare il nostro Ufficio di Segreteria allo 089/958080. Lottare contro questo virus è un dovere civico. Insieme ce la faremo”.

Nel frattempo, “La Solidarietà” è sempre in prima linea per offrire supporto logistico e sanitario all’utenza che si sta sottoponendo ai tamponi antigenici per contrastare l’emergenza sanitaria da Covid-19. Il sodalizio con sede a Lancusi di recente ha stipulato una convenzione con i medici di base della Valle dell’Irno afferenti all’AFT (Assistenza Funzionali Territoriali) al fine di eseguire tamponi antigenici al personale scolastico e a tutti i soggetti indicati dagli stessi medici. Una modalità di azione che sta riscuotendo successo e che si ritiene necessaria per individuare eventuali soggetti positivi ed isolarli per evitare la diffusione del contagio, soprattutto nel corso di questa terza ondata, che ha costretto i governanti ad adottare misure ancora più stringenti.

“Siamo pronti ad intraprendere una delle più imponenti campagne vaccinali della storia – sottolinea il Presidente de “La Solidarietà Alfonso Sessa – grazie alla operosa e fattiva collaborazione dei nostri volontari e dei medici messi a disposizione dall’Asl. Per questo abbiamo bisogno di quante più collaborazioni possibili. Nel frattempo ci stiamo adoperando, grazie all’impegno dei nostri sanitari a mettere in campo tutte le energie e gli strumenti a nostra disposizione per combattere questo nemico invisibile”.

Alcuni over 80 (prescelta quale prima categoria sociale suscettibile di ricevere il vaccino) hanno iniziato a ricevere le prime dosi di vaccino anche a domicilio. Altri che hanno effettuato le prenotazioni, tramite le apposite piattaforme digitali messe a disposizione dagli organismi preposti, sono in attesa di una chiamata.  Una volta avviata la vaccinazione con le somministrazioni alla fascia di popolazione più anziana e ai soggetti fragili, si procederà poi a coprire il fabbisogno della residua parte dei cittadini, a seconda dell’ordine prestabilito.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi