You are here
La salernitana Antonella Bertone, interprete in tv per il presidente: «Così ho tradotto Mattarella per i non udenti» Attualità 

La salernitana Antonella Bertone, interprete in tv per il presidente: «Così ho tradotto Mattarella per i non udenti»

Ha tradotto nella lingua dei segni il discorso di fine anno del presidente Mattarella. I dieci milioni di italiani che hanno seguito il messaggio del capo dello Stato hanno potuto vedere sullo schermo della tv in una finestra in basso a sinistra, Antonella Bertone, 54 anni, salernitana, interprete della lingua dei segni. A lei il compito di far arrivare ai non udenti le parole del presidente della Repubblica che come ogni 31 dicembre tracciano un bilancio dell’anno appena trascorso. «Lavoro da 25 anni ai telegiornali della Rai dedicati ai sordi – racconta Antonella Bertone – È stata per me la prima volta che ho tradotto le parole del presidente della Repubblica e devo dire che ho avvertito una certa emozione. Sai che ti guarderà mezza Italia, quindi avverti l’importanza del momento».

Antonella Bertone è arrivata nel pomeriggio del 31 dicembre negli studi del Tg 2. Il discorso di Mattarella era stato registrato in precedenza nella sala dei Tofanelli al Quirinale. Ha avuto il tempo di leggere il testo, è passata poi al trucco, alle 20,30 si è accesa la telecamera: mentre veniva mandato in onda il messaggio del presidente, Antonella Bertone lo traduceva in diretta nella lingua dei segni. «La redazione è stata molto cortese e voleva mettermi un gobbo, ma non l’ho voluto mi avrebbe creato un’interferenza linguistica – racconta l’interprete salernitana – Preferisco sentire e tradurre. Il presidente usa un eloquio articolato nella forma, era preoccupata per questo, per cui all’inizio ho avvertito una certa tensione».

Mentre il mondo politico analizza il contenuto del discorso di fine anno dividendosi tra favorevoli e critici, Bertone si sofferma sulle sue peculiarità linguistiche. «Il testo era fluido, era piacevole tradurlo – spiega – Solo qualche punto è stato ostico. Bisogna pensare che il passaggio dalla lingua italiana a quella dei segni è una traduzione a tutto tondo, quindi è una cosa complessa. Quando traduco i contenuti dei servizi dei telegiornali la caratteristica è la fretta, il tempo è pochissimo. Invece il presidente ha i suoi tempi.Alla fine penso che sia andato tutto bene, almeno così mi hanno detto i miei colleghi. Il nostro è un lavoro delicato. Noi interpreti siamo un apparecchio acustico umano». La scelta del look è stata in perfetta linea con la sobrietà della serata: «Ho deciso di indossare un abito blu essenziale e pochi gioielli. Si trattava di una comunicazione istituzionale, non ero io il personaggio importante, ma il presidente della Repubblica». (fonte: ilmattino.it)

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi