You are here
La rucola della Piana del Sele diventa IGP Attualità Provincia e Regione 

La rucola della Piana del Sele diventa IGP

La Commissione Europea ha dato l’ok all’iscrizione della rucola della Piana del Sele nell’elenco dei prodotti IGP dell’Unione Europea. E’ stato infatti pubblicato il regolamento di esecuzione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 3 agosto 2020. La Commissione europea ha dunque concluso l’esame del dossier chiudendo così l’istruttoria avviata nel 2018 dopo il via libera del Ministero per le Politiche agricole italiano.

“È l’inizio di un percorso virtuoso – esulta Vito Busillo, presidente di Coldiretti Salerno e dell’Associazione per la valorizzazione dei prodotti di quarta gamma della Piana del Sele – che, grazie all’impegno del Comitato promotore e al sostegno di Regione Campania, Mipaaf e Unione europea, punta a rafforzare l’economia della Piana del Sele partendo da un’eccellenza del territorio già conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Festeggiamo un nuovo marchio d’eccellenza europeo per la provincia di Salerno e un nuovo traguardo: il marchio igp sarà in grado di fornire un importante valore aggiunto a un prodotto che già gode del consolidato accostamento tra identità territoriale ed eccellenza agroalimentare”. A garantire i consumatori e a far affermare la rucola della Piana del Sele igp sui mercati mondiali, sarà il bollino europeo e un rigido disciplinare che definisce le caratteristiche di un prodotto unico nel suo genere, la cui coltivazione è favorita da un’azione combinata del terreno e del clima mediterraneo.

“E’ la notizia che tutti attendevamo – continua Busillo – parliamo del polo produttivo più importante in Italia per la rucola e per tutti i prodotti orticoli di quarta gamma. Un prodotto in continua crescita, passato in tre anni da 15 a 18 milioni di consumatori con una stima di aumento di 2 milioni l’anno e una crescita del 20% della produzione. Al momento siamo sulle 400mila tonnellate”.

La Rucola della Piana del Sele diventa così il 25° prodotto campano a marchio DOP/IGP, il 14° nell’ortofrutta. Soddisfazione viene espressa dal direttore di Coldiretti Enzo Tropiano: “Un riconoscimento che arriva in un anno difficile segnato dall’emergenza Covid – sottolinea – un’ulteriore produzione ortofrutticola della regione che va ad arricchire il bouquet di produzioni riconosciute dall’Unione Europea e un riconoscimento importante al lavoro di tanti imprenditori agricoli che hanno operato per creare il primo polo produttivo italiano”. La Rucola della Piana del Sele interessa attualmente una superficie di circa 3100 ettari, distribuiti sugli 8 Comuni che compongono tale area geografica, con una produzione media degli ultimi anni pari a 400 milioni di chili di prodotto, che è il 73% circa della produzione nazionale, con un fatturato medio annuo di oltre 680 milioni di euro, circa 5 mila addetti diretti e 4 mila dell’indotto.

«Una notizia straordinaria che ci riempie di orgoglio e ci fa guardare con maggiore ottimismo al futuro – commenta il sindaco di Eboli, Massimo Cariello -. Siamo soddisfatti per il nostro prodotto e per gli operatori di Eboli e di tutta la Piana impegnati nelle produzioni di quarta gamma. Negli anni siamo stati vicini a quanti hanno contribuito a questo traguardo, dai singoli imprenditori alle organizzazioni di categoria, alla stessa Regione Campania. Il comparto agricolo e le produzioni di quarta gamma rappresentano una parte fondamentale della nostra economia, rispetto alla quale manteniamo la massima attenzione giorno dopo giorno.

Ringrazio quanti hanno assicurato il raggiungimento di questo obiettivo, dalla Coldiretti Salerno guidata dal presidente Vito Busillo, sempre attento al nostro territorio ed alla sua economia, all’Associazione per la valorizzazione dei prodotti di quarta gamma della Piana del Sele, dalla Regione Campania al Mipaaf e fino all’Unione Europea».

Soddisfatta anche l’assessore comunale Marina Cerrone: «Rafforziamo l’economia dell’intera Piana del Sele attraverso questo riconoscimento che riguarda un’eccellenza del territorio già conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Questo marchio IGP assicurerà certamente un valore aggiunto a un prodotto che già identifica sia il territorio, sia l’eccellenza del settore».

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi