You are here
La Polisportiva Due Principati torna al successo, hurrà al tie break Pallavolo Sport 

La Polisportiva Due Principati torna al successo, hurrà al tie break

Torna al successo la P2P: a Sarno, contro Volare Benevento, la squadra di coach Camiolo ha ribaltato il match in rimonta: sotto di due set, si è imposta al tie break. Il 3-2 finale consente alle irnine di balzare in griglia playoff. Dovranno disputare altre quattro partite di recupero – hanno dovuto sospendere per due mesi l’attività agonistica, causa Covid – per raggiungere la posizione migliore. La vittoria contro le sannite, ottenuta sul parquet del centro sportivo La Filanda, è stata sofferta, meritata. Sull’orlo del precipizio, dopo aver perso il primo set 22-25 e il secondo ai vantaggi (25-27), la P2P si è destata e ha rovesciato l’inerzia. Via le bende, i cerotti (la palleggiatrice Mileno a referto ma non utilizzata per la seconda gara di fila, a causa di un infortunio alla caviglia, sostituita dalla brava Russo), le difficoltà: fuori l’orgoglio, la rabbia, il carattere. Conquistato per 25-22 il terzo set – chiusura di Falcucci – e con analogo punteggio il quarto, grazie al primo tempo di Marchesano, la P2P ha esultato dopo l’attacco out di Benevento nel tie break decisivo per il 15-12 finale.

“Quando la luce si è accesa, dal terzo set in poi, il nostro serbatoio era pieno – dice il coach Camiolo – e abbiamo chiuso in crescendo”. Poi mette sulla bilancia la vittoria e dice: “Questi due punti valgono quattro. E’ non solo una forma di consapevolezza dei propri mezzi, ma è anche la vittoria della condizione atletica che migliora solo giocando. Ci sblocchiamo anche in casa, dopo la pausa forzata, e abbiamo rimontato da 0-2 a 3-2”. Lo scenario, il tour de force, il prossimo avversario: “Sarebbe stato meglio beneficiare di una settimana di lavoro ma a questo punto, per paradosso, è meglio giocare spesso, perché acquistiamo maggiore ritmo gara. Affronteremo San Salvatore Telesino mercoledì 14 aprile in trasferta e daremo il meglio per ottenere il massimo. Rispetto come sempre gli avversari ma io non devo guardare a che punto siano gli altri. Guardo, invece, a che punto sia la P2P: abbiamo bisogno di palestra, di gioco, di crescere, come stiamo facendo, in consapevolezza”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi