You are here
Istat: da febbraio oltre mezzo milione di posti di lavoro in meno Attualità Italia e Mondo 

Istat: da febbraio oltre mezzo milione di posti di lavoro in meno

Tra emergenza Covid e lockdown, “da febbraio 2020 il livello di occupazione è diminuito di oltre mezzo milione di unità. A maggio il tasso di disoccupazione risale al 7,8% (+1,2%) e tra i giovani al 23,5% (+2%). Lo rivela l’Istat spiegando che con le graduali riaperture torna a crescere il numero di persone in cerca di lavoro, con un aumento del 18,9%. L’incremento si rileva maggiore tra le donne (+31,3%) rispetto agli uomini (+8,8%). La diminuzione dell’occupazione – Nel mese di maggio “continua a ritmo meno sostenuto” rispetto ad aprile, mese di pieno lockdown, la diminuzione dell’occupazione, che su base mensile segna un -0,4% pari a -84mila unità, coinvolgendo soprattutto le donne (-0,7% contro -0,1% degli uomini, pari rispettivamente a -65mila e -19mila). Il calo congiunturale dell’occupazione determina “una flessione rilevante” rispetto al mese di maggio 2019, registrando un -2,6% pari a -613mila unità che coinvolge sia le donne (-270mila) che gli uomini (-343mila).

Da febbraio mezzo milione di occupati in meno. Allargando lo sguardo, l’Istat ha rilevato anche che tra emergenza Covid e lockdown, “da febbraio 2020 il livello di occupazione è diminuito di oltre mezzo milione di unità e le persone in cerca di lavoro di quasi 400mila, a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 900mila unità”.

Nel commento ai dati provvisori su occupati e disoccupati di maggio, si sottolinea che comunque gli ultimi dati mensili “descrivono un’evoluzione diversa rispetto a quella dei mesi precedenti: rispetto a marzo e aprile la diminuzione dell’occupazione è più contenuta, il numero di disoccupati sale sensibilmente a seguito del contenimento delle restrizioni previsto dal Dpcm del 26 aprile e si osserva un recupero consistente di ore lavorate”.

Il calo dell’inattività – Rispetto al mese di aprile, a maggio continua dunque, anche se a ritmo meno sostenuto, la diminuzione dell’occupazione. Torna, invece, a crescere il numero di persone in cerca di lavoro, a fronte di un marcato calo dell’inattività. Dopo due mesi di decisa diminuzione, aumenta anche il numero di ore lavorate pro capite.

La graduale ripresa delle attività – Maggio, infatti, è stato il mese caratterizzato dalla graduale ripresa delle attività dopo il lockdown e le chiusure dovute alla pandemia di coronavirus. Tradotto in numeri questo significa che il numero di inattivi, cioè di persone che non sono occupate e non cercano un lavoro, risulta in diminuzione dell’1,6%, pari a -229mila unità. In particolare -1,7% tra le donne (pari a -158mila unità) e -1,3% tra gli uomini (pari a -71mila). L’Istat segnala infine il conseguente calo del tasso di inattività che si attesta al 37,3% (-0,6 punti).

A maggio lavorate più ore pro capite – Dopo due mesi di “decisa diminuzione”, inoltre, aumenta a maggio il numero di ore lavorate pro capite: il numero, calcolato sul complesso degli occupati, è pari a 29,6, valore di 5,6 ore inferiore a quello registrato a maggio 2019. L’Istat sottolinea che il calo, tuttavia, è “decisamente più contenuto” di quello registrato a marzo e aprile 2020, quando il numero di ore pro capite risultava pari rispettivamente a 25,5 e 22 ore (-10,5 e -11,6 ore rispetto allo stesso mese del 2019.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi