You are here
Ipovedente, tetraplegica e sorda dopo le cure in ospedale: a Cava de’ Tirreni i genitori di Anna Manzo iniziano lo sciopero della fame Attualità Provincia e Regione 

Ipovedente, tetraplegica e sorda dopo le cure in ospedale: a Cava de’ Tirreni i genitori di Anna Manzo iniziano lo sciopero della fame

Sciopero della fame da oggi da parte dei coniugi Eugenio Manzo e Matilde Memoli di Cava de’ Tirreni, genitori di Arianna Manzo che, 15 anni fa, quando aveva appena tre mesi, fu vittima – secondo i giudici di primo grado – di un grave caso di malasanità che l’ha resa tetraplegica, sorda ed ipovedente.

Nel 2005, al Cardarelli di Napoli, alla neonata venne somministrato, oltre il dovuto, un farmaco anestetico che le provocò un grave danno al sistema nervoso centrale. Il Cardarelli è stato condannato in primo grado a risarcire i coniugi Manzo con tre milioni di euro. La sentenza è giunta dopo ben otto anni di processo tra l 2011 e il 2019. Il Cardarelli però ha proposto appello e dunque non ha ancora pagato il risarcimento alla famiglia Manzo. Da qui la decisione dei genitori di Arianna di iniziare lo sciopero della fame per sollecitare una rapida decisione della Corte di Appello di Salerno.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi