You are here
Il 3 ottobre del 1990 riunificata la Germania divisa dopo il secondo conflitto Attualità 

Il 3 ottobre del 1990 riunificata la Germania divisa dopo il secondo conflitto

Accadde oggi: era il 3 ottobre del 1990, 31 anni fa, quando iniziò il cambiamento epocale: 5 Länder ridotti a province (Sassonia, Brandeburgo, Sassonia- Anhalt, Turingia, Meclemburgo-Pomerania Anteriore, che accorpavano i vecchi distretti della Ddr) ripresero l’antica dignità di Stati federali e, ognuno per sé ma contemporaneamente, chiesero ed ottennero di entrare nella Repubblica Federale di Germania, adottandone la Costituzione. I territori della Repubblica Democratica Tedesca (Germania Est, DDR) vennero incorporati nell’allora “Germania Ovest”. Il cancelliere Helmut Kohl presentò in Parlamento il piano di riunificazione in 10 punti. Nel 1990 incontrò a Mosca Gorbaciov. Il leader sovietico riconobbe il diritto dei tedeschi alla riunificazione e il 24 aprile sempre Kohl preparò l’accordo di unione economica e monetaria con Lothar de Maizière, presidente del consiglio della Ddr. Il 12 settembre 1990 a Mosca i ministri degli esteri di Usa, Urss, Francia, Gran Bretagna e delle due Germanie firmarono il Trattato ‘2+4’ che pone le basi giuridiche e politiche della riunificazione.  Quel che resta dell’Est oltre trent’anni dopo, molti centri urbani dell’ex Germania comunista sono stati accuratamente restaurati e sono sorte nuove fabbriche, ma molte altre non sono sopravvissute alla brusca transizione al capitalismo. Come quelle automobilistiche. Basti pensare alla celeberrima Trabant e alla più esclusiva – ma pur sempre spartana per gli standard occidentali – Wartburg che chiuse i battenti nel 1991.  A Eckardts, un villaggio a pochi chilometri da Eisenach, sorge ancora oggi una gigantesca stalla, reliquia di una delle fattorie collettive che dominavano l’agricoltura nella Germania dell’Est. Se il lungo confine è stato ormai quasi interamente cancellato da boschi campi e nuove costruzioni, in molte città dell’Est ci si può imbattere in edifici abbandonati in attesa di tempi migliori.  “Il muro nella testa” Ma le differenze si avvertono ancora.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi