You are here
Il 21 luglio 1946 il primo fortunato con la schedina Sisal/Coni Cronaca 

Il 21 luglio 1946 il primo fortunato con la schedina Sisal/Coni

Accadde oggi: era il 21 luglio del 1946, pieno dopoguerra, quando Emilio Blasetti, di professione impiegato, azzecca un 12 fortunato che porta nelle sue tasche l’invidiabile somma di 463.846 lire (una cifra importante per i tempi, equivalente a circa 4 anni di paga di un operaio): storia di 75 anni fa.

Lo storico tagliando riporta le seguenti partite: Inter-Milan (risultato finale 0-1), Torino-Juventus (1-0), Bari-Roma (1-0), Pro Livorno-Napoli (2-1). Per ognuna tre pronostici da indovinare: risultato finale e le reti segnate da ognuna delle squadre. Presenti in fondo alla schedina tre “partite di riserva”, prese in considerazione in caso di rinvii e sospensioni delle altre. La schedina, inventata dal giornalista Massimo Della Pergola (corrispondente da Trieste per la Gazzetta dello sport e fondatore della Sisal) ha un costo di 30 lire e solo due anni più tardi prenderà il nome di Totocalcio e il numero da centrare non sarà più 12 ma il 13.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.