You are here
I furbetti dei buoni spesa nel Cilento sotto la lente di due procure: nel mirino le autocertificazioni Provincia e Regione 

I furbetti dei buoni spesa nel Cilento sotto la lente di due procure: nel mirino le autocertificazioni

La procura di Vallo della Lucania, e quella di Lagonegro per competenza nel Golfo di Policastro e Vallo di Diano, indagano fare piena luce sull’ottenimento di buoni spesa da parte di tantissime famiglie del Cilento. Sotto la lente della magistratura inquirente ci sono le autocertificazioni rilasciate dai cittadini per rientrare nelle graduatorie ed ottenere i «famigerati» buoni. I vari comandi della guardia di Finanza insieme ai carabinieri hanno raccolto le autocertificazioni e stanno procedendo alle dovute verifiche. Si sospetta che sugli oltre 600mila euro stanziati per i buoni spesa, almeno un 10% potrebbe andare a persone che non ne avrebbero diritto. In questo caso i reati contestati sarebbero di falso e appropriazione indebita.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi