You are here
Giustizia, Cirielli (FdI): “Bonafede invii ispettori alla Procura di Salerno per inchiesta Franco Alfieri” Attualità 

Giustizia, Cirielli (FdI): “Bonafede invii ispettori alla Procura di Salerno per inchiesta Franco Alfieri”

“Il ministro della giustizia Alfonso Bonafede invii immediatamente gli ispettori alla Procura di Salerno. Il colloquio tra due giudici del tribunale che parlano di loro colleghi intenti ad insabbiare un’inchiesta giudiziaria di tre anni fa a carico di Franco Alfieri, sindaco di Capaccio Paestum (già primo cittadino di Agropoli) ed uomo di fiducia del governatore della Campania Vincenzo De Luca, è scandaloso oltre che inquietante”. Lo dichiara, in una nota, il Questore della Camera dei Deputati Edmondo Cirielli (FdI): “Nell’articolo pubblicato dal Quotidiano del Sud relativo ad un’indagine della Procura, si legge che due magistrati di Salerno, mentre interloquiscono tra di loro, fanno esplicito riferimento ad un incidente mortale, a persone innocenti iscritte nel registro degli indagati e alla volontà di altri giudici di togliere di mezzo tale fascicolo in cui configurerebbe il sindaco Alfieri. Frasi a dir poco sconcertanti che, qualora fossero acclarate dai fatti, ci porrebbero di fronte ad un nuovo scandalo con al centro, ancora una volta, il rapporto sempre più torbido tra una parte della politica e certa magistratura. Il ministro Buonafede dimostri di voler combattere con i fatti la mala giustizia e disponga, dunque, un’ispezione ad horas negli uffici della Procura salernitana, per effettuare le opportune verifiche sul regolare svolgimento delle indagini relative all’inchiesta in questione. E, soprattutto, per accertare se davvero ci sia stato un gruppo di sostituti, procuratori o giudici che si sarebbero adoperati per “apparare” il sindaco Alfieri, addirittura mettendo sotto indagine persone che non c’entrerebbero nulla. E’ assolutamente necessario fare chiarezza nell’interesse della Procura di Salerno, dei magistrati, dello stesso Alfieri e soprattutto per rispetto a chi non c’è più” conclude Cirielli.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi