You are here
Fatture false, sequestro azienda di carburante salernitana Attualità Cronaca 

Fatture false, sequestro azienda di carburante salernitana

Fatture false per il carburante, sequestrata anche azienda salernitana. La Guardia di Finanza di Firenze ha sequestrato beni per 2,5 milioni di euro agli amministratori di un’impresa che gestiva distributori di carburante accusati di un’evasione fiscale di oltre 12 milioni di euro. Il provvedimento del Gip del tribunale del capoluogo toscano e’ stato eseguito su richiesta del pm titolare delle indagini in diversi centri della regione. I sigilli sono stati posti a beni mobili e immobili di proprietà o nella disponibilità delle persone accusate di aver evaso l’Iva con fatture false tra il 2014 e il 2017.

La frode, scoperta dagli uomini del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Firenze, era stato organizzato per consentire a una società a responsabilità limitata con sede nell’hinterland fiorentino, titolare di distributori stradali di carburante nelle province di Firenze, Arezzo e Prato, di acquistare il carburante dall’estero in totale evasione dell’imposta sul valore aggiunto. In pratica, l’imposta dovuta all’erario – secondo quanto emerso dalle indagini – non era mai versata e il debito col fisco veniva fatto formalmente gravare su altre otto società che, a loro volta, non adempivano agli obblighi.

Queste imprese – localizzate nelle province di Milano, Roma, Napoli, Salerno e Reggio Calabria – sono risultate, in parte fallite, in parte operanti in settori commerciali totalmente diversi da quello della commercializzazione di prodotti petroliferi e nella titolarità di persone già coinvolte in analoghe frodi fiscali, ovvero, in taluni casi, in indagini per riciclaggio e associazione a delinquere, anche di stampo mafioso. Il sistema permetteva all’impresa titolare dei distributori di carburante di acquistare ‘sottocosto’, mantenendo, indebitamente, di ottenendo guadagni più elevati rispetto ai concorrenti.

Le Fiamme Gialle, oltre alla denuncia di tre persone – tutte residenti in provincia di Firenze, originarie, una del Perugino e due di Paesi esteri – responsabili a vario titolo di utilizzo di fatture false hanno sequestrato conti correnti bancari, denaro contante, quote societarie di istituti di credito, oltre a tre auto di grossa cilindrata ed una villa del valore commerciale di oltre 700 mila euro.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi