You are here
Eboli, assistenza negata a bambina autistica: Asl condannata Provincia Provincia e Regione 

Eboli, assistenza negata a bambina autistica: Asl condannata

Assistenza negata, l’Asl di Salerno è stata condannata al risarcimento ai familiari di una bimba autistica di Eboli.  Il giudice ha stabilito con la storica sentenza che i disturbi dello spettro autistico sono una patologia di carattere sanitario e rientrano tra le prestazioni di cura che il Servizio Sanitario Nazionale deve garantire. L’Asl- scrive la Città-, nell’ambito del piano di assistenza, aveva garantito alla bambina solo 8 ore alla settimana, lasciando a carico del Piano Sociale di Zona le altre 20 ore.  Era stato approvato un regolamento sulla compartecipazione alla spesa sanitaria che teneva conto della situazione reddituale della famiglia e non del singolo paziente. Per questo motivo era stata negata l’assistenza e la famiglia della bambina avrebbe dovuto pagare 900 euro al mese per 80 ore di assistenza.

Per il giudice le ore di assistenza che dovrebbe erogare il Piano di Zona sono a carattere sanitario e, pur se erogate a domicilio, sono totalmente a carico dell’Asl, perché trattamento indispensabile per garantire la salute della bambina. Ora l’Asl dovrà rimborsare le spese sostenute dal padre per l’assistenza specialistica e poi dovrà continuare ad erogare il servizio.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.