You are here
Dopo l’Antitrust ancora noie per Sky: anche il Tar del Lazio conferma la multa per il pacchetto Sky-Calcio chiesta dal Codacons Attualità 

Dopo l’Antitrust ancora noie per Sky: anche il Tar del Lazio conferma la multa per il pacchetto Sky-Calcio chiesta dal Codacons

Nell’agosto del 2018, con il passaggio, nella trasmissione degli eventi sportivi di Serie A e Serie B, dal monopolio SKY al duopolio SKY-DAZN, gli abbonati SKY si sono visti decurtare brutalmente il novero dei match previsti dal pacchetto SKY-Calcio, che, sebbene fosse stato sponsorizzato lasciando intendere che l’avvento di DAZN non avrebbe modificato i palinsesti SKY, è stato, in effetti, ridotto del 30%, per quanto concerne la visione delle partite di Serie A e del 100% per quelle di Serie B, creando non pochi svantaggi per i consumatori.

Proprio grazie alle innumerevoli segnalazioni degli utenti, il CODACONS si è mobilitato per tutelare degli abbonati SKY, agendo immediatamente con un esposto in cui denunciava la pratica scorretta tenuta dalla società televisiva. È stato proprio a seguito di tale esposto, che, nel febbraio scorso, l’Antitrust ha inflitto una multa di 7 milioni di euro a Sky, a causa delle sue denunciate condotte, ritenute dall’Autorità lesive del Codice del Consumo.

Dopo il ricorso al Tar del Lazio, richiesto da Sky, la situazione per il colosso televisivo non è cambiata. Infatti, la società si è vista riconfermata, da parte del Giudice Amministrativo, la condanna al pagamento della salata multa impartita dall’Autorità.

“Si tratta di un’enorme vittoria del Codacons!” commenta l’avvocato Matteo Marchetti, “Grazie alla pronuncia del Tar, Sky dovrà rimborsare tutti coloro che hanno sottoscritto l’abbonamento al pacchetto calcio, restituendo ai clienti quanto hanno pagato. Se ciò non dovesse accadere, saranno i clienti stessi a poter chiedere i dovuti risarcimenti. In questa eventualità, dunque, tutti coloro che sono abbonati a Sky e usufruiscono del pacchetto Sky Calcio potranno recarsi nella nostra Sede Regionale, ubicata a Salerno, o contattarci all’892007, al fine di proporre le azioni risarcitorie necessarie.” Conclude l’avvocato Marchetti, sottolineando che il CODACONS sarà in ogni caso pronto ad intervenire anche tramite una causa risarcitoria collettiva contro la società televisiva.

 

scritto da 







Related posts

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi