You are here
DG ASL SALERNO IN VIA TEMPORANEA: L’INTERROGAZIONE DELLA PARLAMENTARE VILLANI AI MINISTRI SPERANZA E DADONE Attualità 

DG ASL SALERNO IN VIA TEMPORANEA: L’INTERROGAZIONE DELLA PARLAMENTARE VILLANI AI MINISTRI SPERANZA E DADONE

Nomina temporanea del direttore generale Asl di Salerno Vincenzo D’Amato in sostituzione del titolare, il Dott. Mario Iervolino, assente per malattia: la Deputata del MoVimento 5 Stelle Virginia Villani insieme ai colleghi Manzo, Nappi, Adelizzi, Buompane, Barbuto e Del Monaco interrogano il Ministero della Salute e quello della Pubblica Amministrazione sulla correttezza della procedura adottatata (Atto numero 4/07570).

Ho interrogato il Ministro della Salute, Roberto Speranza e il Ministro della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone in merito alla procedura adottata dal Presidente della Regione Campanua per la nomina temporanea del direttore generale Asl di Salerno Vincenzo D’Amato in sostituzione del titolare, il dottor Mario Iervolino, assente per malattia. La nomina di Iervolino come direttore generale dell’Asl di Salerno era arrivata con decreto della giunta regionale della Campania 373 del 6 agosto 2019. Invece, con decreto del Presidente di giunta della regione Campania 131 del 23 ottobre 2020 si è deciso di affidare al dottor D’Amato, direttore generale del San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, l’esercizio temporaneo delle funzioni di direzione dell’Asl di Salerno fino a ritorno del titolare dell’incarico. La scelta sarebbe giustificata dalla somma urgenza dovuta all’attuale contesto di criticità connesso all’emergenza Covid-19 e alla necessaria continuità da assicurare all’Azienda” spiega la Deputata Villani “La scelta da parte del presidente della Regione è in contrasto però, con quanto disposto dal decreto legislativo 502 del 1992 che in caso di impedimento del direttore generale, le relative funzioni devono essere svolte dal direttore amministrativo o dal direttore sanitario su delega del direttore generale. La sostituzione sarebbe prevista solo in caso di assenza superiore ai sei mesi. Per tali motivi, il decreto del Presidente della giunta Regionale, che nomina il dottor D’Amato a direttore generale pro tempore, appare di dubbia legittimità e tale da determinare il rischio di inficiare la validità stessa degli atti adottati dal direttore temporaneo. Alla luce dei fatti ho chiesto ai Ministri Dadone e Speranza di valutare la situazione con urgenza e verificare se sussistono i presupposti per promuovere una verifica da parte dell’ispettorato della funzione pubblica. La possibilità che una procedura viziata possa inficiare gli atti adottati in queste settimane dal direttore temporaneo D’Amato espone l’intera azienda e la Regione stessa davanti ad un rischio amministrativo, economico e gestionale enorme che non ci possiamo permettere”.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.