You are here
Dal 15 giugno addio alle mascherine al chiuso Attualità 

Dal 15 giugno addio alle mascherine al chiuso

Da mercoledì 15 giugno addio ulteriore  alle mascherine. Non serviranno più al cinema, nei teatri e alle manifestazioni sportive al chiuso. “C’è in verità ancora una riflessione che riguarda i mezzi di trasporto. Per tutti gli altri luoghi le mascherine verranno tolte e non ci sarà più l’obbligo ma ci sarà la raccomandazione”, ha detto Andrea Costa, sottosegretario alla Salute

“Dopo 2 anni”, ha aggiunto Costa, “credo sia giunto il momento di dare fiducia ai cittadini. C’è una consapevolezza diversa”. “Per quanto riguarda gli uffici e i luoghi di lavoro – ha precisato Costa – già ad oggi non vi è più una norma che preveda l’obbligo”

Quanto ai mezzi di trasporto, ha spiegato: “Credo che oggi ci siano le condizioni per toglierle

Proprio sui mezzi di trasporto si è espresso anche il ministro della Salute, Roberto Speranza“La valutazione è in corso”, ha spiegato

Mentre sulla possibilità di non usare i dispositivi di sicurezza per la Maturità, Costa ha detto: “Basta un decreto fatto anche all’inizio della settimana prossima. Mi auguro che si possa arrivare ad una sintesi”.  “C’è un problema di convergenza politica. Siamo di fronte a posizioni diverse, mi auguro – ha detto – che si possa arrivare ad una sintesi”

“A mio avviso – ha aggiunto il sottosegretario – è una scelta politica. Sulla scorta della scelta fatta per regolamentare i flussi dei seggi durante il voto, con la stessa coerenza io credo che si possa dire che i nostri ragazzi quando vanno a fare l’esame possano non indossare la mascherina”

Delle mascherine ha parlato anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri a Sky TG24, l’8 giugno, che ha precisato come rimanga “consigliabile” avere la mascherina “sempre a portata di mano”. “Anche se dovesse essere tolta l’obbligatorietà per mezzi pubblici o aerei, personalmente io la terrei a portata di mano. Se in due settimane dovessimo avere due tre volte i contagi di oggi, questa posizione dovrei rivederla”

Poi una precisazione sul post estate: “A settembre, ottobre e novembre faremo i conti poi con cosa accadrà. L’endemia del virus ci porterà a conviverci, come per altri virus. Il 2022 è un anno di transizione, prossimo anno saremo più tranquilli. Fondamentale resta l’opera di vaccinazione”

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.