You are here
Covid nel Mondo: record di morti in un giorno in Russia. Londra: “Restrizioni inevitabilI” Attualità 

Covid nel Mondo: record di morti in un giorno in Russia. Londra: “Restrizioni inevitabilI”

Con un totale di 14 mila casi di coronavirus e 50 decessi nelle ultime 24 ore, in Gran Bretagna torna lo spettro del lockdown . Secondo il sindaco di Londra, Sadiq Khan, «è inevitabile» che la capitale britannica superi il punto critico nell’epidemia di coronavirus ed entri in un regime di ulteriori restrizioni «nei prossimi giorni». Intervistato da Sky News, il sindaco londinese ha detto che «tutti gli indicatori, i ricoveri in ospedale, quelli in terapia intensiva, il numero di contagiati tra le persone anziane, la diffusione della malattia, sta andando tutto nella direzione sbagliata». Londra, al momento, è al primo dei tre livelli di restrizioni, quello «medio».

La Russia ha registrato 244 morti per Covid-19, la malattia causata dal nuovo coronavirus, nelle ultime 24 ore, rispetto ai 125 del giorno precedente. Si tratta del più alto numero di morti giornaliere dall’inizio della pandemia. Il numero totale di morti in Russia raggiunge così quota 22.966. Lo ha detto il centro di crisi anti- coronavirus. Le nuove infezioni sono state invece 13.868, anche queste un record assoluto. Lo riporta la Tass.

Continua a peggiorare la situazione in Olanda sul fronte dei contagi da coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati quasi 7.400 nuovi casi, secondo quanto riporta il Guardian: è una cifra record. Il governo olandese si appresta a varare nuove drastiche misure restrittive destinate a frenare l’impennata di casi di Coronavirus nel paese, in un ultimo sforzo destinato ad evitare un lockdown totale. Le nuove misure colpiranno in particolare le strutture ricettive, oltre a bar, ristoranti e strutture destinate agli sport amatoriali, ma anche i trasporti pubblici. Le restrizioni verranno annunciate  dal premier Mark Rutte e dal ministro della Salute Hugo de Jonge questa sera. In nottata – secondo quato Rtl Nieuws e Nos hanno appreso da fonti coperte da riserbo – il governo stava ancora dibattendo se chiudere in una volta sola tutte le strutture ricettive o limitare ulteriormente gli orari di apertura. Anche gli esercizi commerciali del settore della ristorazione potrebbero dover chiudere alle 18 e rimanere chiusi nel fine settimana, secondo fonti citate dal Telegraaf. L’uso della rete dei trasporti pubblici verrebbe limitato a chi svolge lavori di importanza vitale e solo per gli spostamenti essenziali. Gli orari di apertura dei negozi notturni potrebbero essere ridotti. Verrebbero sospesi tutti gli sport amatoriali e sport di contatto per gli over 18. Sono 4.122 i nuovi casi di coronavirus registrati in Germania, dove altre 13 persone sono morte a causa della pandemia. Gli ultimi dati dell’Istituto Robert Koch parlano di un totale di 329.453 contagi con 9.634 morti e circa 279.300 pazienti guariti. Ieri la Germania aveva segnalato 2.467 contagi e sei decessi. Il totale dei casi di coronavirus in Pakistan ha raggiunto quota 319.848 mentre il virus ha ucciso 6.588 persone nel Paese, secondo il Ministero della Salute. I dati ufficiali registrano 8 morti per coronavirus nelle ultime 24 ore, mentre nello stesso periodo sono state segnalate 531 nuove infezioni. Nelle ultime 24 ore, 424 persone sono guarite dalla malattia, portando il numero totale di persone guarite a 304.609. I pazienti critici sono 516.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi