You are here
CORONAVIRUS. RITORNANO I CONTAGI IN CINA Attualità Italia e Mondo 

CORONAVIRUS. RITORNANO I CONTAGI IN CINA

Nel mondo sono stati registrati 250 mila nuovi casi in 24 ore per il quarto giorno consecutivo. L’OMS ha lanciato l’allarme: in ognuna delle cinque settimane sono stati registrati oltre 1 milione di nuovi casi, e questo aumento è determinato dal contagio in Paesi grandi e popolosi, come nelle Americhe e nel Sud Est Asiatico. Secondo l’ultimo aggiornamento della Johns Hopkins University di Baltimora, i contagi totali sono 16.264.048, mentre le vittime sono 648.966. America Latina e Caraibi sono l’area del mondo con il maggior numero di persone colpite dal virus, mentre gli Stati Uniti continuano ad essere il singolo Paese con il maggior numero di contagi e decessi, anche se nelle ultime 24 ore è stato registrato un lieve calo dei nuovi casi: ieri ne sono stati registrati “solo” 55.000, contro i 60.000 dei giorni precedenti; il totale delle persone contagiate è dunque arrivato a 4.234.140, mentre le vittime sono 146.935. In America Latina, il Brasile è salito a quota 87.004 morti, come rende noto l’ultimo rapporto del Ministero della Sanità: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 24.758 nuovi casi, che portano il totale delle persone contagiate a 2.419.091. Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha prolungato le restrizioni in vigore a Caracas e in altre sei aree per fermare l’avanzata dell’epidemia; il Paese conta 30 milioni di abitanti e finora ha registrato 15.463 contagi e 142 decessi, secondo le cifre ufficiali. Il bilancio dei casi in Messico ha superato quota 390 mila e quello dei decessi quota 43 mila: secondo un conteggio che la CNN ha fatto sulla base dei dati ufficiali del ministero della Sanità, in soli sette giorni nel Paese sono stati rilevati 46.273 nuovi casi, che hanno portato il totale a 390.516, e 4.506 decessi, che hanno portato il totale dei morti a 46.273. La Cina ha registrato domenica 61 nuovi casi, di cui 57 di trasmissione domestica e 4 importati: è il peggior dato dal 6 marzo scorso; secondo i dati diffusi dalla Commissione sanitaria Nazionale 41 contagi sono stati rilevati nello Xinjiang, la regione più a rischio in questo momento, 14 nella provincia di Liaoning e 2 in quella di Jilin. In Vietnam, le autorità hanno deciso di evacuare circa 80 mila turisti da Danang, nota località turistica del Paese, dopo la scoperta di tre casi. Tra i paesi con il maggiorr numero di nuovi contagi nelle ultime 24 ore c’è l’India, dove per la prima volta sono stati registrati oltre 50.000 nuovi contagi, che hanno portato il totale a 1.435.616; i morti dall’inizio della pandemia sono 32.771.

mm

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi