You are here
CORONAVIRUS. 15 MILIONI DI CASI NEL MONDO Italia e Mondo Primo piano 

CORONAVIRUS. 15 MILIONI DI CASI NEL MONDO

Le infezioni globali di coronavirus sono oltre 15 milioni, secondo un conteggio di Reuters; il totale è di 15.009.213 casi, tre volte di più del numero di influenze registrate ogni anno, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, mentre il bilancio delle vittime è di oltre 616.000 dall’inizio della pandemia sette mesi fa, e si sta avvicinando alla fascia superiore delle morti annuali per influenza. Secondo i dati aggiornati dall’OMS al 21 luglio, gli Stati Uniti sono il Paese che ha registrato il più alto numero di casi in un giorno, circa 62mila, seguito dall’India, con più di 37mila nuovi casi e il Brasile (oltre 23 mila); tra le nazioni europee, la Spagna è la più colpita dai nuovi contagi. Negli Stati Uniti, secondo i dati della Johns Hopkins University di Baltimora, i contagiati sono 3.902.058 e le vittime 142.066, dopo gli oltre mille morti registrati nelle ultime 24 ore. Il presidente Donald Trump fa retromarcia e invita gli americani ad indossare la mascherina per fermare la “corsa” del coronavirus; “Probabilmente, purtroppo, peggiorerà prima di migliorare” ha ammesso il presidente americano, che ha ripreso le conferenze stampa del martedì, presentandosi però senza Anthony Fauci, l’epidemiologo con cui è in polemica negli ultimi giorni. L’epidemia corre anche in Argentina, Paese che ha registrato un record di 5.344 casi nelle ultime 24 ore, che porta il bilancio complessivo a quota 136.118; i nuovi decessi, 117 in tutto, hanno fatto segnare un ulteriore record giornaliero, portando il totale dei morti a 2.490: questo è quanto è stato reso noto dal Ministero della Sanità, che dichiara anche che il 90% dei casi è concentrato nell’area metropolitana di Buenos Aires. In Colombia, la sindaca di Bogotà, Claudia Lopez, ha annunciato l’estensione del confinamento a cinque milioni di persone, vista la diffusione aggressiva del virus e il rifiuto del governo di autorizzare la quarantena totale nella capitale. L’India ha fatto registrare 37.724 nuovi casi e 684 decessi nelle ultime 24 ore. Questi nuovi dati portano il bilancio complessivo dei contagi a quota 1.193.078, il terzo più alto dopo Stati Uniti e Brasile (2.159.654), e quello dei morti a quota 28.732. Nel Paese sono stati eseguiti finora 14.724.546 test e dall’inizio del mese si contano oltre 600.000 casi, un livello superiore al totale delle infezioni registrate fino al 30 giugno. In Europa, l’osservato speciale è la Spagna: nonostante gli ultimi dati dei contagi a livello nazionale siano leggermente in calo, resta alta la tensione in Catalogna, la regione più colpita, e a Barcellona le autorità hanno deciso di ridurre del 15% l’accesso alle spiagge, nel tentativo di limitare il diffondersi della nuova ondata.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi