You are here
Capaccio, liceale in comunità: “Mi sono difesa, voleva uccidermi” Cronaca Primo piano Provincia Provincia e Regione 

Capaccio, liceale in comunità: “Mi sono difesa, voleva uccidermi”

“Mi sono difesa, nonna voleva uccidermi». La sedicenne ricostruisce in due ore – scrive la Città – l’omicidio di Gilda Candreva, accaduto nell’abitazione di via Tavernelle a Capaccio Paestum. Il giudice la scarcera e l’affida a una comunità di accoglienza per minori. L’avvocato difensore Antonello Natale è fiducioso: “Accerteremo la verità“.

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.