You are here
Calo della raccolta differenziata, Salerno perde il primato Attualità Primo piano 

Calo della raccolta differenziata, Salerno perde il primato

Un calo costante della raccolta differenziata a Salerno tra il 2012 e il 2018. È quanto emerge dai dati Istat diffusi ieri su «raccolta differenziata dei rifiuti: comportamenti e soddisfazione dei cittadini e politiche nelle città» e quelli dei Comuni Ricicloni di Legambiente. Sette anni fa, la percentuale di differenziata nel capoluogo era del 68,2. L’anno scorso, del 60,3. Nel 2013, rivela l’Istat, era del 65,1%; l’anno successivo del 64,5%; nel 2015 del 63,2%; nel 2016 del 62,4%; due anni fa del 61,1%. Bene, invece, il calo della produzione di rifiuti per abitante: nel 2012, 483,9 chilogrammi; nel 2018, 468,94 chili. La differenziata, in città, viene assicurata con il porta a porta per almeno il 70% delle utenze. «Quest’anno, abbiamo premiato, tra i comuni capoluogo, Avellino e Benevento che, ormai, occupano il posto che è spettato a Salerno per alcuni anni. Salerno è stato l’antesignano di tutti i capoluoghi di provincia nel Mezzogiorno. Quindi, la popolazione si era abituata a fare una buona raccolta differenziata», commenta Michele Buonomo di Legambiente. (fonte: ilmattino.it)

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi