You are here
CALDORO: “CHI HA CAMBIATO CASACCA SI E’ VENDUTO” Attualità Italia e Mondo 

CALDORO: “CHI HA CAMBIATO CASACCA SI E’ VENDUTO”

La cosa peggiore che possa succedere in politica è il trasformismo. Le persone che se ne vanno l’ultimo giorno sono state comprate. C’è un prezzo e qualcuno si è venduto, non so a quale prezzo se poltrone, posti di governo. Cambiare gli ultimi giorni questo significa. C’è un prezzo e qualcuno ha deciso di vendersi”. Sono le parole di Stefano Caldoro intervenuto ieri in diretta a Campania, trasmissione in onda su Teleclubitalia.

Il candidato presidente del centrodestra ha parlato poi di ambiente, ecoballe e roghi. “L’area nord è stata imbrogliata da un sindaco incapace di Giugliano, dalla sinistra che ha fatto una finta opposizione, da De luca e da Renzi. Dal primo all’ultimo hanno fatto una strage – dice il candidato alla presidenza della Regione Campania -. Stamattina mi sono arrivati video di roghi terribili. La situazione non è affatto migliorata, le ecoballe sono ancora lì, hanno speso soldi non si sa per far cosa. E’ un totale fallimento. Renzi disse a De Luca se le ecoballe tra due anni sono ancora qui è giusto che i cittadini ci caccino a pedate, bene qualche pedata non sarebbe male. I cittadini devono ribellarsi a queste menzogne. E’ tutto ancora lì per incapacità”.

Caldoro ha poi spiegato il programma di governo del centrodestra in 3 punti: “In primis noi puntiamo sul lavoro, bisogna fare un’azione forte di incentivi alle assunzioni nelle imprese – spiega -. Bisogna abbassare il costo del lavoro e delle tasse. Il secondo punto riguarda la salute dei cittadini. Bisogna fare meritocrazia nella sanità e nello stesso tempo curare i cittadini. Pensiamo di dare finanziamenti europei ai cittadini per utilizzarli per le cure fondamentali, soldi che verrebbero gestiti dal medico di base. Ultimo il tema dell’ambiente. Avevamo iniziato in maniera seria il contrasto alla terra dei fuochi, purtroppo quel lavoro si è interrotto ma dobbiamo rilanciare la tutela dell’ambiente nell’area nord soprattutto e tutelare i prodotti campani”

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi