You are here
BEACHWEAR 2021, I COSTUMI DELL’ESTATE E 4 TREND CUI ISPIRARSI Lifestyle 

BEACHWEAR 2021, I COSTUMI DELL’ESTATE E 4 TREND CUI ISPIRARSI

Da sempre il costume da bagno è un ticket per la felicità e mai come oggi ne avvertiamo la sua indispensabile futilità. Le collezioni 2021 sono state pensate proprio in piena pandemia e forse questo aspetto più di altri le rende così speciali e rivoluzionarie. “Questa maledetta pandemia ci ha ricordato che i nostri armadi sono pieni, di cose ben fatte e di cose fatte male senza regole. Finalmente si segnala un crescente bisogno di revisione delle priorità negli acquisti. Più prodotti di qualità, fatti bene e nel rispetto del sistema. Forse per questo le collezioni per la prossima estate contengono un’energia e una carica esplosiva in termini di stile e colori – sottolinea Umberto Amato, esperto del settore beachwear– non c’è indumento così sinonimo di libertà e relax, dunque rigenerante come il costume da bagno. I segni di cambiamento si colgono da qualche anno: i primi tessuti con 3D, le fibre speciali e tanta sostenibilità. Bene, questo processo è ormai inarrestabile e nasce per affrontare di petto il beachwear low cost delle grandi catene. Più performance abbinate ad un design e ad una vestibilità unici. Ecco quindi il progetto dell’israeliana Nilit che con il Sensil Biocare garantisce ai tessuti la massima biodegradabilità, oppure con il Sensil Breeze (vedi foto Van Veen Graab) il costume rinfrescante o via via fino al Sensil Innergy che combatte gli inestetismi della pelle. Prodigi tecnologici certificati che fanno di un semplice costume da bagno un vero e proprio concentrato di tecnologia. Per rivendicare il primato tessile italiano invece la Tessitura Taiana ha brevettato un tessuto che riproduce l’effetto del loto respingendo l’acqua per effetto unico mentre il Maglificio Ripa ha messo a punto una serie di tessuti 3D che lasciano ampio spazio alla creatività con disegni tridimensionali. Anche la Cifra, azienda brianzola, per la prima volta ha affrontato il comparto con una collezione dedicata di capi beachwear realizzati con l’esclusiva tecnica Warp Knit Seamless facendo innamorare i più importanti designer del mondo”.
Sul fronte dello stile, le tendenze sono quattro e ce le indica il celebre trend forecaster anglo indiano David Shah che per MarediModa, la fiera internazionale dei tessuti mare, ha condotto una ricerca approfondita al dettaglio. Tutto parte dal rifiuto verso l’omologazione e verso le convenzioni. È tempo di premere l’acceleratore sulla sostenibilità e l’innovazione, uscire dal modello “prendi-usa-getta”.

Flow Culture
Un’estetica esagerata, impura celebra la malizia della vita da strada, appropriandosi di un design e di un retro-design quasi scontati, popolari e contemporanei ma ripensati in chiave moderna. Questo nuovo linguaggio è strettamente funzionale a raccontare la propria personalità instagrammabile.
Materiali: basi opache, lucide, semplici per stampe colorate e audaci, con combinazioni di blocchi di colore. Dall’ultra opaco ad un lucido morbido, luminosi satin, finissaggi in lattice e giochi di luci su pelle. Spugne retrò, feltri brillanti si accostano a tessuti a maglia vagamente nostalgici, ruvidi crêpe e soffici maglie con la compattezza del Trevira (poliestere) anni 70.
Pattern: un nostalgico mix anni 1960, 70 e 90 con influenze omniculturali. Esuberanti floreali, semplici stampe a cuore, labbra, occhi, grafiche che alternano testi e righe. Richiami a Verner Panton, alla pubblicità di Barilla, ai Pokemon, a Ikea, Etro e Valentino.
Colori: vibranti, audaci e semplici: fucsia, blu oltremare, ciliegia, arancio e giallo sole. Le combinazioni di blu, marrone e beige generano un tocco retrò.
Silhouette: canotte semplici, costumi da bagno olimpionici e Halter. Boxer, giubbini e T shirt, semplici bikini a triangolo e a fascia. Focus sulla moda genderless

Real Fake
Sostituire il mondo reale con un universo virtuale? Trovare la giusta dimensione tra realtà e mondo digitale? Tutto il mondo che luccica, un concentrato di scintillante energia.
Tessuti: superfici scintillanti catturano e rifrangono la luce, sviluppandosi attraverso il movimento in una dinamica sfuggevole e intangibile. Finiture multi-colore e metallizzate donano un look etereo. Perlescenza e brillantezza conferiscono fluidità ai tessuti uniti.
Pattern: connessioni interattive ed esperienze digitali. Bagliori come lustrini danzano con il colore creando movimento e leggerezza, mentre le superfici catturano e rifrangono lucentezza.
Colori: eteree combinazioni di acidi colori pastello creano un mood surrealista e irreale. Elementi luminosi, riflettenti, fluorescenti che emettono luce.
Silhouette: mute, aderenti come un guanto, combinano eccellente vestibilità e performance garantendo al corpo di apparire, di muoversi e sentirsi al meglio.

Circus of Life
Una divertente sovrapposizione di influenze teatrali, un’estetica glam da show. Dichiaratamente espressivo e senza freni crea fantastici mash-up. “Più e di più” diventa un’attitudine e una ribellione al minimalismo.
Materiali: l’antica pratica di mascherarsi per andare in scena continua a reinventarsi attraverso tessuti artigianali e tecnologici.
Pattern: colorati e festosi pattern si arricchiscono di turbinii glitterati e psichedelici, astratti jacquard intricati e multicolori. Strass da palcoscenico e stampe siderali rimandano ad una nebulosa. Colori brillanti e scintillanti spiccano su fondi neri o viola scuro.
Colori: una cartella colori double face: la prima per tessuti satin dai toni scuri e drammatici, dalle soffici superfici velour, caratterizzata da finissaggi delicati e setosi; la seconda morbida, passionale con toni viola fucsia, rosso fuoco, rosso meno intenso, oro scintillante e freschi, brillanti colori acqua
Silhouette: ispirata al ballet, al pattinaggio e al ballo da sala. Uno stile elegante dal taglio sensuale asimmetrico e con dettagli drappeggiati e raggruppati.

Hacker Spirit
Il mutevole atteggiamento verso la moda e il potere di spesa richiede aggiornate nozioni su produzione ed estetica. Ciò implica l’esplorazione di nuove opportunità di riutilizzo, riciclaggio e riuso virtuoso, oltre al ripensamento dell’idea di sviluppare ogni stagione, nuove palette di colori adottando, invece, un approccio più curatoriale nei confronti dei colori già esistenti.
Tessuti: si opta per la longevità di tessuti dalla mano simile al cotone, con un look ed un percepito estremamente naturali. Voile, tulle e satin jersey sportivo. Tessuti ridotti in strisce per poi essere “ritessute” e ricucite nuovamente insieme.
Patterns: un approccio grezzo. Ruvide vernici e complicati collage si mescolano a scarabocchi e scritte abbozzati. Tagliare e ri-assemblare. L’utilizzo di spruzzi scatenati di vernice, dip dyes, tinture naturale e stampe ravvivano e migliorano tessuti usati e superati.
Colori: toni smorzati, grazie all’uso e riuso, off-grid, senza schemi e perciò adattabili a qualsiasi cartella colori.
Silhouette: creative e complicate grazie al rimodellamento e alla ricostruzione. Lavorare con creatività, senza schemi, per raggiungere una moderna sensualità.

Fonte: Ansa.it

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi