You are here
Accecato dalla gelosia picchia la moglie e le spacca il telefonino per evitare di parlare con l’amante Provincia e Regione 

Accecato dalla gelosia picchia la moglie e le spacca il telefonino per evitare di parlare con l’amante

Avrebbe fatto spogliare la moglie che, a suo dire, avrebbe nascosto il cellulare per non far scoprire la tresca che la donna aveva con un altro uomo. Ossessionato dalla gelosia un 42enne scafatese maltrattava la convivente continuamente.  I fatti oggetto di procedimento penale sarebbero stati commessi dal 2018 al 2019.  Rischia il processo per maltrattamenti aggravati un uomo di 42 anni di Scafati, per quanto commesso contro la ex moglie. L’indagine era partita dopo l’ennesima denuncia della parte offesa, costretta a subire comportamenti ai limiti della follia, generati dalla gelosia del marito. Per lui, la Procura di Nocera Inferiore ha ora chiesto il rinvio a giudizio. Convinto dei continui tradimenti era arrivato al punto di chiuderla in bagno con lui, con la porta chiusa a chiave, per poi provare a strangolarla. Ma sarebbe solo uno degli episodi che la moglie avrebbe subito dal marito violento. Il resto sono pedinamenti, schiaffi, e un cellulare che lui ruppe- dopo averlo trovato.- spezzandolo in due parti interrompendo così i rapporti tra la donna e il presunto amante che non sarebbe esistito. In un altro caso, non trovando il telefonino, fece spogliare la donna pensando che avesse addosso l’apparecchio e che la moglie avrebbe provveduto a nasconderlo non appena era rincasato. Ora l’uomo è atteso dall’udienza preliminare nella quale il giudice dovrà stabilire se accogliere la richiesta di rinvio a giudizio presentata dal pm Viviana Vessa

 

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi