You are here
Salerno, fatture false per compensare l’Iva: imprenditori ai domiciliari Cronaca Primo piano Provincia Provincia e Regione 

Salerno, fatture false per compensare l’Iva: imprenditori ai domiciliari

Personale di Polizia Giudiziaria della Guardia di Finanza di Salerno la eseguito un’ordinanza cautelare emessa dal gip del locale Tribunale, su richiesta della Procura della Repubblica di Salerno, applicativa della custodia domiciliare nei confronti di Daniele Fusco, Vincenzo Rapa e Salvatore Iovane, nonché un provvedimento di sequestro preventivo, anche per equivalente, di beni per un valore complessivo di oltre 1.7 milioni di euro nei confronti delle società Copper&Alluminio e Trading&Copper srl, rappresentate rispettivamente da Daniele Busco e Giovanni Aprea, ed amministrate di fatto da Vincenzo Rapa; sono stati, altresì, eseguiti diversi decreti di perquisizione nei confronti di persone fisiche e giuridiche.

I reati contestati sono quelli di associazione finalizzata a commettere una pluralità di delitti di evasione fiscale, utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti finalizzate alla creazione di un indebito credito IVA ai danni dello Stato; in particolare, il sistema adottato dagli indagati risulta denominato, in ambito finanziario, “reverse charge”, con conseguente omesso versamento dell’IVA da parte delle società “cartiere” (tra le altre. la Copper e Alluminio S.r.l. e la Trading e Copper S.r.l. di Napoli, la General Trade di Valva e la Metal Copper S.r.l. di Afragola) e, dall’altro, l’acquisizione di un indebito credito di imposta rilevabile dalle dichiarazioni annuali degli effettivi acquirenti. (Comunicato stampa Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno)

scritto da 







Related posts

error: Attenzione, il contenuto è protetto.